Chiama: +39 0525 825541
Via Marco Rossi Sidoli 15, Compiano, Parma, Italy View on Map
<span>I dintorni</span> da scoprire

I dintorni da scoprire

Il soggiorno al Castello di Compiano consente di immergersi nel clima di tranquillità che domina in alta Valtaro.

Seguendo le colline dolci dell’Appennino si possono scoprire così piccoli paesi e una natura ancora rigogliosa: lasciati soprendere.

2017 – SCOPRI le attività nell’Alta Val Taro

ALTA VAL TARO – Lasciati soprendere – APRI

ESTATE 2017 a Borgo Val di Taro – APRI

 

Bedonia

Ai piedi del monte Pelpi, Bedonia ha un centro storico caratteristico, sviluppato attorno alla chiesa parrocchiale di origine medioevale, risalente nella sua forma attuale alla prima metà del XVII secolo.
Nel Parco della Peschiera è visibile il settecentesco arco di ingresso dell’antica possessione Silva. Luoghi di interesse sono inoltre il Santuario della Madonna di San Marco, il Museo di storia naturale, la Pinacoteca Parmigiani e il Planetario.

Bedonia – leggi

 

Borgotaro

Famoso per i fungi porcini IGP. ll centro storico è ampio e ricco di negozi caratteristici. Merita una visita anche il Museo delle Mura. Vicino a Borgotaro si trova Oasi WWF dei Ghirardi.

info turistiche depliant

 

Ca’ Scapini

Lungo la strada che dal Castello di Compiano porta al Castello di Bardi, Ca’ Scapini è un paesino abbandonato. Le case sono ormai dei ruderi, la natura sta riconquistando il borgo. L’atmosfera di abbandono ha un fascino lugubre e misterioso, alimentato anche da storie e leggende che assegnano al paese tristi vicende del passato.

 

Castello di Bardi

Bardi come Compiano è legato alla famiglia Landi. Il castello di Bardi però è molto diverso da quello di Compiano: spesso i turisti amano visitarli entrambi. Bardi è una fortezza, arroccata su uno sperone di roccia nella val Ceno. Gli ambienti, i musei interni, i percorsi dei soldati: tutti riporta a un’atmosfera medievale.

Castello di Bardi – leggi

 

Berceto

Poco distante, Berceto è un antico borgo, tappa lungo la via Francigena, collegando l’Emilia all’Appennino toscano. Il borgo conserva il carattere e le atmosfere tipiche del medioevo, con case in pietra, palazzi dei secoli XII-XVII e ruderi di un castello. Importante punto di sosta e di culto, il Duomo mostra la sua impronta romanica nel ricco portale e nell’impianto architettonico. Merita una visita anche la frazione di Corchia, splendido esempio di borgo medievale sopravvissuto alla storia.

 

Turismo Val Taro – leggi

Turismo Emilia Romagna – leggi